Un laboratorio nello spazio per studiare l’invecchiamento

Categoria: Notizie tag: , ,

Il professore Geppino Falco, coordinatore scientifico dell’Istituto Biogem di Ariano Irpino in provincia di Avellino e docente di biologia presso l’Università “Federico II” di Napoli, sta conducendo una ricerca sui meccanismi molecolari dell’osteoporosi associata a condizioni estreme, come quelle dello spazio extra-terrestre caratterizzato da microgravità e irraggiamento cosmico. Questa ricerca sarà sperimentata a bordo della Stazione Spaziale Internazionale attraverso un mini laboratorio lanciato in orbita dalla base NASA di Cape Canaveral, Florida. L’obiettivo è studiare i meccanismi molecolari alla base dell’osteoporosi in ambienti estremi.

“Stiamo per utilizzare – spiega Falco – cellule mesenchimali esposte alla microgravità e agli irraggiamenti cosmici per un periodo di rotazione di circa due settimane intorno al nostro pianeta”. Dopo il completamento del volo spaziale, le cellule saranno trasportate nei laboratori di Ariano Irpino per essere analizzate mediante tecnologie e metodologie avanzate. “L’obiettivo – aggiunge Falco – è aumentare la nostra comprensione dei meccanismi generali dell’invecchiamento e, in ogni caso, cercare di attenuare, mitigare o rallentare i suoi effetti”.

Fonte: ANSA

Leggi anche: Invecchiamento: conoscerne i tipi allunga la vita

Condividi questo post


Skip to content